STORIA DELLA CADILLAC La storia dalle origini ai giorni nostri della casa automobilistica STORIA DELLA CADILLAC.

http://www.pianetauto.com Homepage Condizioni Generali Privacy Contatti
AUTO USATE AUTO NUOVE KM ZERO AZIENDALI VEICOLI COMMERCIALI ESTERE D'EPOCA CONCESSIONARI
login
 
EMAIL
PASSWORD
                     send
Registrati ora
Password dimenticata?
RICERCA AUTO PUGLIA
RICERCA MOTO PUGLIA
INSERISCI IL TUO ANNUNCIO
LINKS UTILI
CHI SIAMO
CONDIZIONI
PRIVACY
CONTATTI

login
 
ALFA ROMEO
ASIA MOTORS
ASTON MARTIN
AUDI
AUSTIN
AUTOBIANCHI
BENTLEY
BMW
BMW-ALPINA
BUGATTI
 
login
 
APRILIA
DUCATI
GARELLI
GILERA
HONDA
HUSQVARNA
ITALJET
KAWASAKI
KTM
KYMCO
 

 


STORIA DELLA CADILLAC

 
Fin dalle origini al 1941

La prima Cadillac ad uscire dai cancelli della fabbrica si chiamava Modello A. Era il settembre del 1902 e con quella vettura il marchio poneva la prima pietra della sua lunga storia.
Il Modello A colp immediatamente il pubblico degli acquirenti (che allepoca non erano molti) per la sua linea e le sue ingegnose innovazioni tecnologiche. Insomma, un successo. Al punto che appena quattro anni dopo, Henry M. Leland, fondatore della casa di Detroit, decise che era venuto il momento di sfornare un nuovo modello, denominato K, dotato di un motore monocilindrico di 1266 cc. Il Modello K vinse il "Dewar Trophy", massimo riconoscimento automobilistico inglese, che premiava le qualit tecniche delle vetture di nuova produzione.
Per trovare tuttavia linconfondibile design Cadillac, occorre far un balzo in avanti, e precisamente nel 1927

Harley Earl (1893 1969) inizi la sua carriera progettando bighe romane e carrozze rococ per Hollywood insieme al carrozziere Don Lee di Los Angeles. Dopo questo avvio davvero singolare, la sua carriera prosegu in modo fulminante. Per decenni il creativo californiano defin lo stile avveniristico delle Cadillac ed invent soluzioni estetiche, come le pinne posteriori, destinate a diventare un classico.
Nel 1927 Earl progett lelegante La Salle 303 la prima automobile americana disegnata da uno stilista e posta in commercio e con essa Cadillac ebbe fama di costruttore di vetture di elevato contenuto estetico.
Grazie allo stretto radiatore anteriore ed alla sottile sezione frontale, questa vettura appariva molto pi snella delle piuttosto imponenti automobili americane dellepoca e, per la prima volta, era disponibile con carrozzeria bicolore. Fino al 1927 la Cadillac era considerata soprattutto una buona automobile, solida ed affidabile disse David Holls (1931 2000) ex direttore Design di GM ed Opel. Earl rappresent una svolta. Da allora le Cadillac furono anche eleganti e raffinate.

Il modello La Salle venne realizzato per colmare lo spazio venutosi a creare nella gamma General Motors tra le economicamente convenienti Buick e le pi costose Cadillac. A questo punto la marca si impose rapidamente allattenzione con un design in grado di fare moda.
Nel 1934 Earl realizz unaltra icona stilistica: la Serie 50. Con i suoi parafanghi allungati, i dischi copriruota e particolari armoniosi come gli obl circolari ai lati del cofano, questa convertibile precorreva i tempi. Nel 1941 dalla catena di montaggio usc lultima delle 205.000 La Salles prodotte.

Nel 1927 Harley Earl costitu la nuova sezione Arte e Colore il primo reparto stile indipendente di una casa automobilistica e nel 1940 divenne vice-presidente responsabile Design del gruppo General Motors. Troviamo la sua firma su una serie di prototipi come modelli Le Mans del 1953 e su alcuni elementi stilistici che sarebbero apparsi su modelli successivi.
Earl si ritir nel 1958 dopo oltre trentani di straordinario lavoro creativo per Cadillac e General Motors.
Le imponenti cruiser degli anni 50 e 60 si chiamavano Eldorado e de Ville. Per molte persone queste grandi Cadillac ricche di cromature fanno ancora oggi parte dellimmaginario americano cos come i fast food, il football, la Coca Cola, i film western e i grattacieli.
Insieme al suo assistente Julio Andrade, nel 1948, il capo-progettista Harley Earl aveva gi inventato un elemento stilistico essenziale: le pinne. Ispirata allaereo da caccia Lockheed P-38 Lightning (Earl perfezion la sua ricerca visitando laeroporto di Selfridge Field), la Cadillac Sixty Special fui la prima automobile ad adottare questo particolare stilistico che per decenni caratterizz lo stile della produzione americana.

I modelli del 1948, i primi ad essere messi aerodinamicamente a punto nella galleria del vento del Centro Prove GM di Milford (Michigan), avevano pinne abbastanza contenute. Questo affascinante motivo estetico fece per cos presa che alcuni concessionari esponevano la vettura con la coda rivolta verso le vetrine ed i fari accesi, in modo che di notte i passanti avessero la migliore visione possibile della novit.
Aziende esterne iniziarono addirittura a produrre pinne posteriori da applicare ai modelli precedenti!
L?altezza delle pinne aument di anno in anno fino a raggiungere, nel 1959, i 97 centimetri. Le pinne delle Cadillac erano le pi alte fra quelle delle automobili americane dellepoca, appena 40 centimetri pi basse del tetto. I fari a forma di candela esaltavano landamento frastagliato delle pinne.

Non cerano per solo le pinne. Allepoca le Cadillac si coprirono di cromature. Al tempo stesso le protuberanze sui paraurti anteriori divennero sempre pi grandi e sporgenti. Per questo furono presto soprannominate Dagmar, in onore alla forme voluttuose dellattrice Virginia Ruth Egnor (1921-2001), la cui popolarit era dovuta alla sua partecipazione alla serie televisiva Jerry Lesters House Party.
Oltre alle Dagmar, la Eldorado del 1953 si faceva apprezzare per il parabrezza panoramico e le cornici cromate dei fari anteriori (altrimenti note come le visiere dei cadetti).

Tutti coloro che non ritenevano la Cadillac abbastanza esclusiva potevano sempre averne una fatta su misura da uno specialista. Moltissimi carrozzieri e stilisti di fama hanno realizzato automobili super-esclusive sulla base della Cadillac. E questo il caso di Henri Chapron (Francia), Fleetwood (Usa), Ghia (Italia), Glaser (Germania), Heuliez (Francia), Franco Sbarro (Svizzera), Van den Plas (Belgio), Vignale e Zagato (entrambi italiani).

La collaborazione con la Pininfarina risale ad oltre 70 anni fa. Nel 1931 Battista Pinin Farina progett e costru per conto del maharajah di Orccha la Mille e una notte, una stupefacente spider realizzata sulla base della Cadillac 452 con motore a 16 cilindri a V. Tre prototipi la Starlight, la Skylight e la Jaqueline furono invece realizzati fra il 1958 e il 1962. Nel 1959 e nel 1960 la carrozzeria torinese evase invece il primo ordine numericamente consistente: 200 esemplari della lussuosissima Eldorado Brougham, allestiti utilizzando componenti meccaniche giunte appositamente in Italia via nave dagli Usa.

A dispetto delle evidenti difficolt logistiche, alla fine degli anni 80 le due aziende ripeterono lesperimento. Sergio Pinifarina, figlio di Battista, progett la Allant, unelegante convertibile a due posti, che Cadillac decise di produrre esclusivamente in Italia. Questa volta il trasporto venne affidato ad un ponte aereo: aerei jumbo trasportavano a Torino gli organi meccanici ed oltre 100 componenti diverse prodotte negli Stati Uniti (dal cruscotto al climatizzatore). La pista dellaeroporto di Caselle dovette essere allungata per consentire latterraggio del Boeing 747.
Nella fabbrica di San Giorgio la Pinifarina montava gli organi meccanici e gli eleganti arredi interni sulle carrozzerie. Alla fine di questo processo le Allant venivano spedite al Metropolitan Airport di Detroit al ritmo di 56 esemplari alla volta. Tra il 1987 ed il 1993 furono cos costruite oltre 22.000 Cadillac Allant. Questa convertibile brillante frutto della collaborazione fra due aziende famose oggi un classico molto ricercato fra i collezionisti.

In tempi pi recenti Cadillac ha lavorato con il gioielliere italiano Bulgari i cui standard di prestigio e clientela potenziale sono analoghi a quelli della marca americana. La plancia del prototipo Vizn un esempio evidente di questa collaborazione.

FONTE: 4TUTTO.COM



 

STORIA DELL'AUTO



auto occasioni
Cerca tra tutte le occasioni e le offerte la soluzione che più desideri!
km zero
Auto pari al nuovo ma ad un prezzo decisamente inferiori con sconti fino al 50%.
auto estere
Auto di importazione o modelli non presenti sul mercato italiano.
auto commerciali
Veicoli commerciali nuovi ed usati, per ogni esigenza di lavoro.

News mondo motori auto e moto
>NUOVA TOYOTA VERSO NUOVA TOYOTA VERSO
>MAGGIOLINO CABRIO....ANTEPRIMA MAGGIOLINO CABRIO....ANTEPRIMA

News auto e moto Puglia
GRANDE PUNTO ABARTH NEL 42 RALLY DEL SALENTO!!
Rally del Salento 2009